Aversa. OpenCoesione espone i suoi dati sulla Terra dei Fuochi all’Osvaldo Conti

[widget id=”text-16″]

“Affinché si parli di open data, l’informazione deve essere soprattutto interessante e aggiornata”. E’ l’incipit della Prof Filomena Di Grazia, dirigente dell’Osvaldo Conti, ripetuto in occasione della Settimana aperta della Pubblica Amministrazione, ricordata da A Scuola di OpenCoesinone e rivolta alle scuole selezionate per il monitoraggio civico sull’utilizzo dei fondi Coesione. Con una Tavola Rotonda, organizzata dal team di OpenCoesione del Conti, sono stati presentati i dati raccolti del progetto “adottato” sulla Terra dei Fuochi, con ente attuatore la Sma Campania. Dati che vanno ad aggiungersi a quelli dell’Arpac, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, dell’Esercito Italiano, dei Medici per l’Ambiente e dell’Associazione Normanna Forense, che ha fatto da notaio ai tanti fatti, ai numeri e ai grafici portati in visione.

“Per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico, gli Open Data vengono intesi come un elemento centrale nelle strategie di e-Government, fondamentale per favorire una maggiore trasparenza nell’agire amministrativo e la partecipazione attiva dei cittadini nei processi decisionali delle amministrazioni pubbliche”, ha evidenziato la Preside. Oggi la trasparenza è uno dei temi caldi “su cui le amministrazioni pubbliche puntano per valorizzare il patrimonio informativo in loro possesso”, è stato sottolineato dall’Avvocato Pasquale Fedele dell’Associazione Forense. Ma il dato tecnico è stato commentato dai relatori del Tavolo, un dato che si è avvalso di numeri legati anche alle patologie oncologiche. Numeri in aumento, se si confrontano con gli interventi sulla sicurezza e la salvaguardia del territorio, dell’area cosiddetta della Terra dei Fuochi. In merito, i dati sciorinati dalle studentesse del Conti sono chiari, perché “in rapporto con tutti i finanziamenti fatti ricadere nella Terra dei Fuochi devono essere più consistenti, a causa del fenomeno dei continui incendi di rifiuti, soprattutto di scarti delle industrie, che fa peggiorare la situazione ambientale”. Non poteva mancare a questo punto l’intervento dell’Arpac.

“Da tempo teniamo sotto controllo le aree contaminate e i siti, in stretto contatto con la magistratura” fanno sapere i responsabili dell’Arpac, Claudio Marro e Agostino delle Femmine. “Nonostante tutto, le zone più a rischio per lo sversamento illegale di rifiuti, anche tossici, sono sotto controllo”, hanno assicurato. Ad avvalorare il tutto sono i Vigili del Fuoco: “Purtroppo i cumuli situati nelle campagne o ai margini delle strade, che vengono incendiati, dando luogo ai famosi roghi, persistono e il nostro intervento, il più delle volte, serve a poco. Serve solo a spegnere il rogo, perchè il danno è fatto”, ha detto Salvatore Longobardo. Danno che va a ricadere sui nostri terreni, sulla nostra salute, per quello che un rogo può sprigionare.

“La situazione ambientale nelle province di Napoli e Caserta diventa insopportabile, se non si cambia stile di vita. L’incidenza dei tumori soprattutto nei nostri bambini è cresciuta. Questo fatto pone il nostro tra i Paesi tra quelli a maggior rischio di tumori pediatrici”, è stata l’amara conclusione di Gaetano Rivezzi, responsabile provinciale dei Medici per l’Ambiente. Ha chiuso i lavori il Generale dell’Esercito, Antonio Del Monaco, che non è affatto ottimista per il futuro, perché “sono tante i contesti ambientali irrisolti e soprattutto va chiesto scusa ai giovani per quello che si è verificato nel nostro territorio. Le bonifiche tardano ad arrivare, nonostante il Piano Regionale di Bonifica”.

[widget id=”text-17″]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *